10 cose da non dire mai a un giocatore

Il mondo dei videogiochi è un mondo affascinante, popolato da vasti regni, mondi immaginari e feroci competizioni. Per gli appassionati di videogiochi è molto più di un semplice hobby, è una passione che li guida. Tuttavia, a volte amici e persone care non comprendono del tutto questa passione e commettono passi falsi nei loro commenti. In questo articolo esploreremo le 10 cose che non dovresti mai dire a un giocatore.

1. “Vai invece a leggere un libro.”

Il primo elemento della nostra lista è il suggerimento di leggere un libro invece di giocare ai videogiochi. I giocatori sono lungi dall’essere contrari alla lettura. Molti videogiochi, in particolare i giochi di ruolo giapponesi (JRPG), sono pieni di testi e storie complessi. I giocatori sono altrettanto desiderosi di leggere, ma in una forma diversa. Piuttosto che leggere libri, preferiscono immergersi in mondi virtuali e interagire con personaggi e storie in modo immersivo.

La lettura non è l’unica misura dell’intelligenza e esistono molte forme di arte ed espressione creativa, compresi i videogiochi. Quindi, invece di chiedere a un giocatore di leggere un libro, perché non sedersi con lui, condividere una pizza ed esplorare insieme mondi virtuali? Potresti rimanere sorpreso dalla profondità delle storie che i videogiochi possono offrire.

2. “È solo un gioco, perché sei così arrabbiato?”

Niente può far infuriare un giocatore più velocemente di questa frase. La rabbia del giocatore è spesso il risultato di molte ore di impegno per superare una sfida in un gioco: immagina di mettere insieme un mobile complicato, commettere un errore e dover smontare tutto per ricominciare. È la stessa frustrazione che provano i giocatori quando falliscono a un livello difficile.

Inoltre, quando guardi una partita sportiva in TV, non dici ai giocatori di calmarsi. I giocatori investono tempo e fatica per migliorare nel loro campo, proprio come gli atleti. Quindi, invece di minimizzare le loro emozioni, mostra loro comprensione e sostegno.

3. "Puoi mettere in pausa il gioco?"

Quando qualcuno chiede a un giocatore di mettere in pausa un gioco, può essere fonte di frustrazione. La maggior parte dei giochi online moderni non può essere messa in pausa, poiché prevede la partecipazione di altri giocatori da tutto il mondo. Chiedere a un giocatore di mettere in pausa il gioco può metterlo in una situazione difficile, poiché rischia di penalizzare la propria squadra o di perdere un'importante opportunità di gioco.

Naturalmente, se un genitore ha bisogno di aiuto o un figlio ha un problema, questo ha sempre la precedenza sul gioco, ma è essenziale capire che i giochi online non sono sempre flessibili quando si tratta di pause.

4. "Scusa, ho cancellato il tuo salvataggio per errore."

Al giorno d'oggi è abbastanza difficile cancellare accidentalmente un salvataggio di gioco, ma può ancora succedere ed è una vera tragedia per un giocatore. I salvataggi rappresentano ore di gioco, progressi e risultati. Perderli per sbaglio può essere un duro colpo.

È importante prestare attenzione quando si gestiscono i dati di gioco di un giocatore, che si tratti di un amico o di un familiare. Evita di eliminare qualsiasi cosa senza il loro consenso, poiché ciò può causare grande frustrazione.

5. "Tutti i giochi sono come Nintendo, giusto?"

Uno degli stereotipi più antichi e irritanti è quello di trattare tutti i videogiochi come se fossero “Nintendo”. Questa generalizzazione spesso mostra una mancanza di comprensione delle diverse console e dell'industria dei videogiochi.

Nintendo è un'azienda iconica, ma ci sono molti altri marchi di console, come Xbox e PlayStation, ognuno dei quali offre esperienze di gioco uniche. Riconoscere questa diversità dimostra che comprendi l'ampiezza dell'industria dei videogiochi.

6. "Le guerre tra console sono una sciocchezza."

Dibattiti sulla console, come Xbox vs. PlayStation, sono comuni nella comunità dei giocatori. Tuttavia, è essenziale capire che ogni console ha i suoi punti di forza e di debolezza e la scelta dell'una o dell'altra dipende dalle preferenze personali.

In definitiva, ciò che conta è che i giocatori si divertano con i giochi che amano, indipendentemente dalla console su cui giocano. Le esclusive di ogni console offrono esperienze uniche e non c'è motivo di sminuire le preferenze di qualcun altro.

7. "Mettilo in modalità facile."

Chiedere a un giocatore di passare alla modalità facile è come chiedere a un atleta di competere senza avversari. I giocatori amano le sfide e vogliono superare gli ostacoli grazie alla propria abilità e perseveranza.

Passare alla modalità facile può eliminare tutto il divertimento dal gioco riducendo la difficoltà a un livello troppo basso. I giocatori preferiscono imparare e migliorare per avere successo piuttosto che imbrogliare optando per una modalità di gioco più semplice.

8. “I videogiochi non sono arte”.

Questa affermazione è semplicemente falsa. I videogiochi sono una forma d'arte a pieno titolo. Combinano elementi visivi, audio e narrativi per creare esperienze interattive ricche di emozioni e creatività.

L'arte è soggettiva e ci sono molte forme d'arte diverse. I videogiochi sono una di queste forme e hanno il potere di raccontare storie profonde, esplorare temi complessi ed evocare potenti emozioni nei giocatori. È tempo di riconoscere che i videogiochi sono una forma d'arte valida.

9. “Non dovresti giocare a giochi violenti”.

Questa osservazione spesso implica che i videogiochi violenti abbiano un impatto negativo sui giocatori. Tuttavia, numerosi studi hanno dimostrato che la relazione tra giochi violenti e violenza nel mondo reale è complessa e ricca di sfumature. I videogiochi non sono necessariamente la causa di comportamenti violenti.

È importante riconoscere che i giocatori sono in grado di distinguere tra finzione e realtà. A loro piacciono i videogiochi per il loro gameplay, la storia e la competizione, non per l'incitamento alla violenza. Invece di giudicare le scelte di gioco di un giocatore, avvia una conversazione sulle sue preferenze e interessi.

10. "Non hai un telefono?"

Arriviamo infine alla celebre citazione di Blizzard durante la presentazione di “Diablo Immortal”. Questa osservazione è diventata iconica a causa della reazione negativa del pubblico. Riflette il disprezzo di alcuni sviluppatori di giochi nei confronti del loro pubblico.

I giocatori hanno grandi aspettative nei confronti dei loro franchise preferiti e le aziende devono prenderle sul serio. I giochi per dispositivi mobili possono essere divertenti, ma non sostituiscono l'esperienza di gioco completa desiderata dai giocatori.

In conclusione, è fondamentale rispettare la passione dei videogiocatori per i videogiochi. Il gioco è una forma d'arte valida e i giocatori meritano di essere compresi e supportati nel loro hobby. Invece di fare commenti imbarazzanti, intraprendi conversazioni positive sui giochi e scopri cosa li rende così coinvolgenti. Dopotutto, i giocatori sono esploratori di mondi virtuali, narratori e concorrenti appassionati, e meritano il nostro rispetto.

Flex Arcade

Flex Arcade

Flex Arcade

Di

In FLEX amiamo i videogiochi, è questa passione che ha scosso la nostra infanzia (e forse la tua!?) che ci spinge in questa avventura, a progettare e produrre macchine superbe per riprodurre i migliori titoli della giovane storia dei videogiochi. Produciamo una gamma "pronta per il gioco", ma facciamo anche ordini speciali per terminali arcade unici e caratteristici utilizzando ad esempio la base di una botte di vino da 300 litri o una scatola di munizioni dell'esercito francese! Siamo a tua disposizione per i tuoi progetti, condividi i tuoi sogni più sfrenati, amiamo realizzarli.

Gli ultimi articoli

Seguici su Facebook

Monta tu stesso il terminale (tutorial)

Pubblicità

0
Il tuo carrello è vuoto!

Sembra che tu non abbia ancora aggiunto alcun articolo al carrello.

Sfoglia i prodotti
Powered di caddy
it_IT