Cos'è il retrogaming?

Retro è sinonimo di anzianità, segniamo un'era passata dagli anni '30 agli anni 2000. Quando si parla di retrogaming, molte persone diventano nostalgiche per ricordare i bei momenti trascorsi da soli o con gli amici. I videogiochi hanno plasmato la nostra infanzia e segnato la nostra generazione. Questo articolo ha lo scopo di raccontarti le origini del gioco fino ad oggi.

Riepilogo

  1. La storia del retrogaming
  2. Novità sul retrogaming
  3. Conclusione

1. La storia del retrogaming

Terminali arcade

Per molti di noi, il retrogaming è iniziato in una sala giochi, un luogo di ritrovo per divertirsi da soli o con gli amici. Il armadi arcade ci ha dato l'opportunità di divertirci su diversi tipi di videogiochi. Per il piacere di giocare, di gareggiare o anche di sviluppare le nostre capacità, ognuno aveva i propri obiettivi.

Per cominciare, la prima macchina arcade commercializzata è stata creata da Nolan Bushnell e Ted Dabney (i fondatori diAtari) con il gioco giochi per computer nel 1971. Ispirato da Guerra spaziale!, piloti un razzo nello spazio e devi combattere i dischi volanti sparandogli contro. Ma fu soprattutto nel 1972 che ci fu una vera rivoluzione nelle macchine arcade con pong. È stato il pioniere dell'industria dei giochi arcade. 

Poi, nel 1978, l'età d'oro dei giochi arcade iniziato con Invasori spaziali che ha portato l'industria dei videogiochi a un'enorme svolta.

Ha dato un miglioramento del sistema arcade che includeva nuovi processori e nuovi chip più potenti offrendo così grafica e gameplay più avanzati. Grazie a questo progresso nacquero i primi portici. Hanno offerto la possibilità di giocare a giochi esclusivi come Pac-Man, Donkey Kong, King and Balloon, Asteroid, Breakout eccetera

Questa era ha visto una vera trasformazione, si sono rapidamente stabiliti in luoghi pubblici come bar, supermercati, cinema, ristoranti, distributori di benzina, ecc. Dal 1990 il numero di terminal e sale giochi ha iniziato a diminuire. Tuttavia, esistono ancora oggi, ma molto di più al loro livello passato. In effetti, le console domestiche hanno guadagnato enormi quote di mercato a loro danno.

Infatti, quando si parla di terminale arcade, ci si riferisce al retrogaming che porta nostalgia per alcune persone o alla scoperta dell'antenato delle console di gioco, tuttavia è ancora possibile giocare ai vecchi videogiochi, i mezzi sono:

  • metti un emulatore sul tuo pc, un SBC come il Raspberry Pi o anche il tuo cellulare, per trovare tutte le piattaforme sullo stesso dispositivo
  • acquista una vecchia console per il lato vintage con i giochi che desideri,
  • noleggia/acquista una macchina arcade da un professionista o costruiscila tu stesso.
Bartop 2d 16/9e - Ghoul e fantasmi
Bartop 2d 16/9e – Ghoul e fantasmi

console retrò

Se parliamo dei primissimi terminali arcade, dobbiamo parlare anche delle prime console casalinghe. Non li elencheremo tutti, perché ce ne sono molti, ma vi parleremo di quelli che hanno avuto un grande impatto storico.

Il Magnavox Odissea o solo ilOdissea è stata la prima console domestica commercializzata nel 1972 da Magnavox con accessori, 6 giochi preinstallati e altri 6 giochi venduti separatamente. pong è stato uno dei principali punti di forza dell'Odissea e ha guidato da solo le vendite.

Negli accessori c'erano delle sovrapposizioni: sfondi grafici che si attaccavano allo schermo della sua TV per ottenere un decoro a seconda del gioco; fiches: per i giochi a soldi come la roulette, abbiamo mescolato televisione e giochi da tavolo; carte: le carte ci davano un compito da svolgere su determinati giochi e dovevamo rispondere usando il nostro controller, ecc.

The Magnavox Odyssey e i suoi accessori, uscito nel 1972. Fonte: Culture games
The Magnavox Odyssey e i suoi accessori, uscito nel 1972. Fonte: Culture games

Successivamente, la tecnologia è solo migliorata, dandoci il Canale Fairchild F nel 1976. È stata la prima console per videogiochi basata su un sistema di cartucce intercambiabili e la prima ad avere un microprocessore. In seguito, nel 1977, Atari produsse ilAtari 2600 per competere con Canale F. Ha avuto un grande successo grazie al principio delle cartucce intercambiabili e ha permesso all'industria dei videogiochi di avere un posto importante sul mercato. Lo star game dell'ATARI 2600 era Invasori spaziali. Nonostante questo successo, crisi dei videogiochi nel 1983 negli Stati Uniti si è dichiarato a causa di un'offerta di gran lunga superiore alla domanda e dell'inattività delle aziende a seguito di questa crisi. Pertanto, l'effetto è stato il crollo di diverse aziende e la massiccia perdita di diverse cartucce di videogiochi.

The Fairchild F, uscito nel 1976
Il Fairfield F, uscito nel 1976

Dopo la crisi, due aziende giapponesi hanno lanciato le loro prime console domestiche. Il SG-1000 per Sega e il Computer di famiglia (o Famicom) per Nintendo contemporaneamente nel 1983. Il Famicom ebbe un grande successo nella terra del Sol Levante grazie al suo prezzo più basso rispetto ad altre console e ad una grande evoluzione tecnica. Nel 1985, Europa, Stati Uniti e Canada hanno completamente ridisegnato il Famicom con un nuovo design, caratteristiche leggermente diverse e un nuovo nome: Sistema di intrattenimento Nintendo (o NES). India e Corea del Sud decisero di mantenere il modello Famicom ma cambiarono solo il nome che era Tata Famicom per l'India e Hyundai Comboy per la Corea del Sud. Il NES è stato in grado di differenziarsi con il suo gigantesco catalogo di videogiochi e sono apparsi molti giochi cult.

Per esempio Super Mario Bros., La leggenda di Zelda, asino kong, Castlevania, Metroid, eccetera

Il Nintendo Entertainment System (NES), pubblicato nel 1983
Il Nintendo Entertainment System (NES), pubblicato nel 1983

Per poter competere con il NES, l'azienda NEC lanciato il Motore PC nel 1987 e Sega lanciò il suo mega disco nel 1988. Il PC-Engine è la prima console nella storia ad avere un lettore CD-ROM per leggere i videogiochi. Successivamente, per poter competere con il NES, l'azienda NEC lanciato il Motore PC nel 1987 e Sega lanciò il suo Mega Drive nel 1988. Il PC-Engine è la prima console nella storia ad avere un lettore CD-ROM per leggere i videogiochi. Successivamente, sono state rilasciate diverse versioni per accettare diversi formati di gioco: CD ROM, HuCard, Ottimo CD-ROM e CD-ROM Arcade. Aveva anche un processore centrale a 8 bit e un processore grafico a 16 bit, che all'epoca era un record. Tra i giochi, possiamo citare quelli notevoli uomo bombardiere, Esploratore di sotterranei, PCKid, eccetera

PC-Engine, rilasciato nel 1987
Il PC-Engine, rilasciato nel 1987

Nel 1990 fece la sua comparsa il Super Nintendo (aka SNES). Il suo primo obiettivo era competere con Sega con i suoi mega disco e NEC con il Motore PC. Questa console offriva prestazioni audio e grafiche migliori rispetto alla precedente versione a 8 bit raggiungendo i 16 bit. Ha anche offerto un'enorme quantità di giochi, possiamo menzionare Mondo Super Mario, The Legend of Zelda: Link al passato, Paese dell'asino kong, ala stellare, Crono trigger e tanti altri. Con la sua nuova console, Nintendo ha continuato a rimanere leader nel mercato dei giochi e il supporto dei suoi sviluppatori ha permesso a Nintendo di mantenere questa posizione. L'acquisizione di molti giochi come l'acquisto di diritti di gioco Tetris ha poi permesso a Nintendo di progettare la prima console portatile, la game Boy.

Il Super Nintendo (SNES), uscito nel 1990
Il Super Nintendo (SNES), uscito nel 1990

Per quanto riguarda Sega, la sua esperienza nelle sale giochi gli ha permesso di competere con i suoi rivali con il suo Mega Drive. I numerosi port dei giochi arcade e l'arrivo di un personaggio emblematico del gioco, Sonic il riccio, gli diede un enorme successo.

Il Mega Drive, uscito nel 1988
Il Mega Drive, uscito nel 1988

In sintesi, abbiamo visto le prime console di riferimento nella storia dei videogiochi. Successivamente sono apparse altre console di nuova generazione con la Playstation per Sony e l'Xbox per Microsoft.

2. Notizie sul retrogaming

Perché giocare ai giochi retrò?

Perché giocare a giochi retrò quando i giochi moderni portano nuove grafiche e funzionalità? Per alcune persone, i giochi retrò sono solo vecchi giochi pixelati, totalmente obsoleti e poco interessanti, ma per altri sono la fonte di una passione divorante: il retrogaming!

Prendi il caso di 2 giochi con lo stesso titolo The Legend of Zelda: Breath of the Wild (BotW) e La leggenda di Zelda: Ocarina of Time (OoT). Nel 1998, OoT ha incantato un'intera generazione. La sua storia, i suoi sotterranei, la sua musica ei suoi boss furono particolarmente apprezzati. Un mondo aperto ben progettato che consente al giocatore di scoprire Hyrule e un interesse per ogni boss legato a determinati personaggi della storia. BotW, rilasciato nel 2017, ha saputo modernizzarsi offrendo una nuova dimensione del mondo aperto. Questa volta, il giocatore ha la possibilità di esplorare, fare missioni secondarie o continuare la storia del gioco ogni volta che vuole. Una grafica totalmente rifatta che ci regala questa sensazione di libertà.

In sintesi, in Oot, ti godrai una storia fantastica con boss unici e sorprendenti senza dimenticare la musica iconica di questo opus. Mentre sei in BotW, la grafica ti darà un'altra dimensione nell'universo di Zelda dandoti totale libertà.

The Legend of Zelda: Breath of the Wild, uscito nel 2017 - Fonte: jv.jeuxonline.info
The Legend of Zelda: Breath of the Wild, pubblicato nel 2017 – Fonte: jv.jeuxonline.info

In conclusione, i giochi moderni e i loro progressi tecnologici consentono una grafica straordinaria, un gameplay fluido, l'espansione del gioco per prolungarne la durata e il gioco online per attirare i giocatori moderni. Per i giochi retrò, ci concentriamo maggiormente sulla qualità del gameplay. Spesso su una nostalgia che ricorda la nostra infanzia e su una durata di vita molto conseguente. 

Ogni generazione porta un'esperienza completamente diversa ai videogiochi. Ex giocatore come nuovo giocatore, ognuno troverà il suo account. Se non hai paura della grafica e di una certa difficoltà, allora ti invito a provare il giochi retrò.

La modernizzazione dei giochi retrò

Alcuni giochi hanno segnato l'infanzia di molte persone. Il solo ricordare i tempi trascorsi su Metroid, GTA, Tomb Raider, Final Fantasy, The Legend of Zelda può renderci nostalgici. Da PS4 e Xbox One, i vecchi giochi vengono riportati in vita rinnovandoli in diversi modi: 

La rimasterizzazione : Questa è una delle pratiche più utilizzate oggi. Mira a ottimizzare un gioco già esistente utilizzando la tecnologia attuale. La grafica viene modificata inserendo più dettagli modificando il contrasto, la luminosità e nuove trame che rendono il gioco più piacevole da guardare. Il gameplay non viene alterato, ma corregge diversi bug. La scelta della rimasterizzazione consente un'eccellente compatibilità con le versioni precedenti. Non può essere fatto a causa di una tecnologia troppo obsoleta per le nuove console. Nella rimasterizzazione, portiamo anche alcuni DLC per aumentare l'aspettativa di vita del gioco, nuovi contenuti per altri o più giochi dello stesso titolo in una raccolta di diverse opere.

Ad esempio, c'è Crash Bandicoot, La leggenda di Zelda: Ocarina of Time 3D, Skyrim, eccetera

The Legend of Zelda: Ocarina of Time, pubblicato nel 1998
The Legend of Zelda: Ocarina of Time, pubblicato nel 1998. Fonte: Jeuxvideo.com
  • Il remake : Il remake è una nuova versione di un'opera già esistente. Consente al gioco di essere moderno adattandolo alle nuove tecnologie. La storia può mantenere la stessa base o essere modificata con un nuovo sistema di gioco, ambientazioni e personaggi completamente ridisegnati. Non è un semplice smussamento o miglioramento delle trame, è una riprogettazione totale del gioco con nuovi elementi. Il remake consente ai vecchi giocatori di giocare allo stesso titolo, ma in un modo completamente diverso. Anche se i giocatori non hanno sperimentato il gioco originale, consente loro di scoprire un gioco vecchio ma con una grafica contemporanea. Possiamo prendere come esempio Final Fantasy 7 remake, Resident Evil 2, Metroid: Missione Zero, eccetera
Final Fantasy VII, uscito nel 1997 / Remake di Final Fantasy VII, uscito nel 2020
Final Fantasy VII, pubblicato nel 1997 / Remake di Final Fantasy VII, pubblicato nel 2020. Fonte: Actugaming.com
  • Portare : Il porting mira a rendere i vecchi giochi compatibili con le nuove generazioni di console. Consente quindi ai giocatori di poter giocare su un'altra piattaforma senza che il gioco venga modificato. Ciò consente agli sviluppatori di offrire i loro giochi a prezzi scontati risparmiando per progetti futuri su altri videogiochi. È anche utile per alcuni giochi online renderlo cross-play. Ci sono Tra di noi, Pokemon Unite, Final Fantasy XIV, eccetera
Among Us, uscito nel 2018
Among Us, uscito nel 2018
  • Il riavvio : Il reboot è una reinterpretazione di un gioco, è una nuova versione di un gioco già esistente modificandone completamente la storia. Simile al remake, consente comunque di creare un'alternativa dello stesso gioco riprendendo tutto dall'inizio. I riavvii sono usati molto nel cinema. Danno l'opportunità di ottenere un approccio molto diverso dalla versione originale (Spider Man per esempio). Per i giochi, ci sono DmC: Devil May Cry, Castlevania: Il Signore delle Ombre, Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo, eccetera
Prince of Persia: Le Sabbie del Tempo, uscito nel 2003
Prince of Persia: The Sands of Time, pubblicato nel 2003. Fonte: Jeuxvideo.com

Come iniziare?

Per cominciare, tutto dipende dalle preferenze individuali. Alcuni giocatori preferiscono giocare su console meno recenti e altri preferiscono giocare su una console di nuova generazione.

Il collezionisti sono più legati al vintage. Tendono ad avere le console vintage e le vecchie testine. In questo caso, avrai bisogno anche di un televisore CRT o di un televisore più recente che includa una porta VGA. Se sei interessato, c'è un articolo su “come si gioca ai giochi retrò?”, questo ti darà le informazioni necessarie per iniziare.

Quanto a ai giocatori, preferiranno il lato pratico. Di solito sono abituati alle nuove console e preferiranno semplicemente scaricare i giochi. Se non hai una console, le soluzioni per te saranno:

  • Emula su computer o altra scheda
  • Acquista un terminale arcade,
  • Acquista una mini edizione della console rifatta in modo da poter giocare alcuni giochi sulla tua TV.

3. Conclusione

Per concludere, i terminali arcade sono sempre meno presenti, a causa del successo delle console domestiche. Tuttavia, non sono completamente dimenticati.

Infatti, oggi, anche i terminali arcade si sono evoluti nel tempo. Ci danno così la possibilità di poter giocare a tutti i giochi retrò su un'unica macchina. Conciliano vintage e moderno e sono un buon modo per farci rivivere la nostra infanzia o epoca passata. Le console di nuova generazione ci danno anche l'opportunità di poter giocare ai giochi originali scaricandoli o acquistandoli. I vecchi giochi non sono del tutto dimenticati. Remake e riavvii riportano in vita i vecchi giochi mantenendo la loro storia o rivisitandola. Ognuno, insomma, troverà il proprio account e potrà apprezzare a modo suo il fascino dei giochi retrò.

Flex Arcade - Recalbox
Flex Arcade – Recalbox

Flex Arcade

Flex Arcade

Flex Arcade

Di

In FLEX amiamo i videogiochi, è questa passione che ha scosso la nostra infanzia (e forse la tua!?) che ci spinge in questa avventura, a progettare e produrre macchine superbe per riprodurre i migliori titoli della giovane storia dei videogiochi. Produciamo una gamma "pronta per il gioco", ma facciamo anche ordini speciali per terminali arcade unici e caratteristici utilizzando ad esempio la base di una botte di vino da 300 litri o una scatola di munizioni dell'esercito francese! Siamo a tua disposizione per i tuoi progetti, condividi i tuoi sogni più sfrenati, amiamo realizzarli.

Gli ultimi articoli

Seguici su Facebook

Monta tu stesso il terminale (tutorial)

Pubblicità

0
Il tuo carrello è vuoto!

Sembra che tu non abbia ancora aggiunto alcun articolo al carrello.

Sfoglia i prodotti
Powered di caddy
it_IT