Retrogaming su console, soprattutto con le bolle

Se sei arrabbiato ma preoccupato per la tua linea, qual è l'equivalente del gelato nei videogiochi? Bolle. O “bolle” in inglese, che è più divertente. Pronunciare “beubeulse” è rilassante: senti già il piccolo “pop” della bolla che scompare? Tutto quello che devi fare è sparargli, afferrarli, arrampicarti su di loro, soffiarli, spingerli o scontrarsi con loro, perché ce ne sono di tutti i tipi e per fare le bolle ci vuole tempo. In effetti, giocare con le bolle di pixel ha già inghiottito ore della vita di ognuno di voi e di molti dei vostri antenati. Questa storia di bolle è iniziata con le macchine arcade e continua con i telefoni cellulari, dopo ovviamente la console; è improbabile che il retrogaming aiuti le cose.

Riepilogo

  1. Bolle di ogni tipo
  2. Ma soprattutto bolle che spariamo
  3. Cos'altro ?
    • Piccole bolle (1998) !
  4. Piccolo ritorno alla musica Bolla di bolle

È iniziata così: una bolla di sapone in un lavandino. In effetti, il primo videogioco con una bolla risale al 1982 e si chiama in modo molto illogico Bolle, perché c'è solo una bolla nel gioco e tu ci giochi. Non è bello essere una bolla in un lavandino? I videogiochi ti fanno vivere emozioni straordinarie.

1. Bolle di ogni tipo

La bolla di sapone – Bolle (1982)

Uno spettacolo orribile, non è vero?

Bolle è un gioco di arcade pubblicato da Williams Electronics. L'azione si svolge quindi in un lavandino. La bolla (tu) deve rimuovere sporco, formiche e briciole evitando spazzole, spugne, scarafaggi e lamette da barba. A volte una curiosa casalinga in miniatura pulisce il lavandino. Coglierlo di passaggio fa guadagnare punti e relativa protezione contro le spazzole (gli rubi la scopa).

Tutto un mondo meraviglioso

Più impurità buone ingerisce, più la bolla diventa grande, fino a poter ingoiare pennelli e spugne. E se tutto va bene, il rubinetto scorre e l'acqua ti porta al tavolo accanto.

Bolle non è mai stato adattato per nessuna console, ed è un'ingiustizia perché questo fantastico ed originale gioco non ha davvero nulla da invidiare Pac Man, se non il suo labirinto. Se hai una macchina arcade, gioca Bolle, Non ve ne pentirete !

Certo, probabilmente non è il gioco di bolle più antistress in circolazione, ma pulire un lavandino non è un'attività antistress. 

La bolla infiammabile

Strisciante

È molto raro che le bolle dei videogiochi siano davvero nostre nemiche. Nel peggiore dei casi li facciamo scoppiare o ci seppelliscono, ma questo avviene senza odio. Tranne dentro Inferi, un gioco spaziale pubblicato su Commodore, Amiga e altri CPC Amstrad nel 1988. La tua nave deve raccogliere diamanti nello spazio evitando molte cose, inclusi draghi che sputano bolle. Bolle mortali, probabilmente piene di fuoco greco o di qualche acido. In ogni caso, quando gli spariamo, fa boom. 

Forse dovremmo vederlo come un diversivo rispetto alle bolle gonfiate da altri draghi apparsi sulla scena mondiale dei videogiochi due anni prima e non se ne sono mai andati.

Li conosci sicuramente

La bolla che facciamo esplodere – Bolla di bolle (1986)

La bolla scoppiò nel 1986 con il classico dei classici: Bolla di bolle (da pronunciare dieci volte di seguito), sviluppato dallo studio Taito, come Invasori spaziali. E come in Invasori spaziali, Si comincia con un incubo poiché Bub e Bob (da pronunciare 10 volte di seguito) sono stati trasformati in draghi dal barone von Blubba (da pronunciarsi 30 volte di seguito), che ha rapito anche le loro fidanzate.

Dovrete quindi trovarli saltando di piattaforma in piattaforma. Hai solo un'arma per intrappolare i nemici: le bolle.

Una volta intrappolati, i cattivi possono essere ingoiati e trasformati in cibo. C'è cibo e bevande Bolla di bolle, comprese patatine fritte e cocktail sponsorizzati.

Il tutto è accompagnato da una musica famosissima e, a dir poco, inebriante... Ossessiva? Dovremmo inventare una parola, senza dubbio. Vedi il risorse a fine articolo se hai la sfortuna/sfortuna di non conoscerla. L'autore è Tadashi Kimijima, che sia benedetto o maledetto a seconda dell'umore del momento.

È un eufemismo dire che il gioco era famoso. A voi la scelta della console, amici del retrogaming, Bolla di bolle è stato adattato su tutti i media e ha generato 11 sequel tra il 1987 e il 2019 (dite questo elenco ad alta voce cinque volte di seguito): Isole Arcobaleno, Stelle Ombrellone, Bubble Bobble Parte 2, Bubble Symphony, Bubble Memories, Bubble Bobble vecchio e nuovo, Rivoluzione Bubble Bobble, Evoluzione di Bubble Bobble, Rivoluzione Isole Arcobaleno, Bubble Bobble Double Shot, Bubble Bobble 4 Friends. Scommetto uno Terminale FLEX-arcade che non si fermerà qui.

Oh sì, devono essere stati i genitori. Ed ecco i veri volti di Bob e Bub, o viceversa.

Il primo avatar nasce nel 1990: in Fratelli della neve, le bolle si trasformano in palle di neve, per un utilizzo quasi identico. Sopprattuto, Bolla di bolle ha il suo Spin-off (serie derivata), in cui i draghi Bob e Bub lasciano il mondo delle piattaforme per quello dei sparabolle: Bolla puzzle (1994). Forse per competere con il mitico Pang (1989)? Torneremo su questo passo decisivo nella seconda parte.

Insomma, nel mondo delle bolle pixelate, quasi tutto deriva da Bolla di bolle. 

La bolla del risparmio

In Bolla vertiginosa (1990), non certo il più noto degli episodi del già citato Dizzy (non è stato adattato per console), l'uovo preferito dai videogiocatori si affida alle bolle per vagare sul fondo dei mari. Ed è carino.

Dare le vertigini

In Topolino Il Mondo dell'Illusione con Topolino e Paperino (1992), Topolino e/o Paperino entrano in una bolla per attraversare l'oceano. Ed è molto carino. Nel 1994, Problemi con le bolle (uscito su Lynx) traspone la stessa situazione nello spazio.

Il suo nome mi sfugge
Estasi

Infine, dentro Estasi, un sorprendente puzzle game francese del 1990, il giocatore usa le bolle per riparare i circuiti di un androide. Una bolla svettante che accompagna un universo sonoro e visivo altrettanto svettante. 

La bolla che cresce

Osmos

Nel genere impennato, possiamo citare Osmos (2009), in cui il giocatore cerca di far crescere un corpo celeste – o una cellula, o addirittura delle palline di bolle ipnotizzanti – inghiottendo altri corpi celesti. Che riprende il principio dell'antico Bolle, rilevata nel 2014 da Grandi bolle, ma piuttosto sul fondo dell'acqua (i rumori sono rilassanti fino a un certo punto...).

La bolla che spingiamo – Fantasma di bolle (1987)

Una bolla, un fantasma che soffia, lo è Fantasma di bolle

Ritorno alla console (portatile) e al retrogaming con un utilizzo molto ingegnoso della bolla al centro del gameplay: in Fantasma di bolle, pubblicato nel 1987 su PC e nel 1990 su Game Boy, un fantasma fa esplodere una bolla di sapone che deve spingere in tutte le direzioni per attraversare tutti i livelli. Il fantasma è felice quando arriviamo e impreca quando la bolla scoppia. È divertente e non facile.

Il principio è ripreso più tardi nell'eccellente Bolle dell'anima (2008). Le bolle qui sono più grandi, più numerose, più solide e gli universi più vari. È molto, molto, molto carino.

Nonostante tutto, se facciamo tante belle cose con le bolle nei videogiochi, il preferito ultimo e universale del giocatore in cerca di "pop" e "wizzz" è polverizzarle.

2. Ma soprattutto bolle che spariamo

Le bolle sono palle e Pang (1989)

Pang è il primo gioco sparabolle, anche se oggettivamente le bolle qui sono un misto di palline rimbalzanti e palloncini. Secondo me queste sono ancora bolle da buttare giù per divertirsi. Il principio, ripreso in Super Pang nel 1990 per Super Nintendo, è immutabile: tavoli fissi, un ragazzino esploratore che spara ai rampini per distruggere le bolle che sgorgano dal cielo. E questo è bello. Serie Problemi con le bolle (Da ora in poi Lotta contro le bolle) gestisce anche il sistema di Pang.  

La variazione della bolla del biliardo

In Emozione (1990), una sorta di Shadok sferico (è una nave speciale) deve eliminare le bolle spingendole in tutte le direzioni per poterle associare, come più avanti in tutti i giochi sparabolle. Ma non si tratta di spari, piuttosto di biliardo sotto acido, almeno nelle versioni PC (la versione per Game Boy, pubblicata sotto la licenza Il Gioco dell'Armonia, è meno impegnativo). È meravigliosamente colorato, come questo ti mostra. video.

La dinastia Bolla puzzle

Ed ecco il momento che tutti stavate aspettando, l'avvento del bubble shooting nella sua forma canonica. Nel 1994, il gioco Taito, derivato da Bolla di bolle, ovviamente con i draghi Bob e Bub. Si chiama Bolla puzzle (Bust-a-Move negli Stati Uniti) perché rientra nel genere “Puzzle game”. Segna l'avvento del Bubble Shooting, una miscela diArkanoid, Di Tetris e di Pang : il giocatore spara da un cannone una bolla colorata che deve combinarsi con almeno altre due bolle colorate per esplodere, producendo un rumore gradevole all'orecchio; e libera spazio, perché tantissime altre bolle volano dalla parte superiore dello schermo. Ecco qua, è semplice e dà sollievo.

Bolla puzzle è stato un successo nelle sale giochi giapponesi ed è stato adattato in 21 versioni diverse (presto 22) su Neo-Geo, Super Nintendo, Nintendo 64, Playstation, Playstation 2, Xbox, Wii, Xbox 360, Game Cube, Game Boy, iPhone, Android…

In linea di principio è semplice, perché il decoro di questi giochi è ovviamente sontuoso e la loro musica quanto più orecchiabile possa essere: è un gioco Taito. È carino, le bolle scoppiano in "ding" e "dong", le posizioni cambiano, i draghi ballano o tremano a seconda dell'avanzamento del gioco e il cannone è sofisticato. Questo non è il caso del gioco che incarna Bubble Shooting al punto da sembrare il suo creatore Sparabolle.

IL Sparabolle Imperio

Avatar di Bolla di puzzle compaiono tra il 1994 e il 2002. La serie di Goccia magica (5 versioni per console tra il 1995 e il 2004, altre 2 per PC e smartphone) arricchisce il principio con tanti personaggi e tanta fantasia. C'è anche Bolla congelata, pubblicato nel 2002 per Windows, con pinguini al posto dei draghi e bella musica.

Paf, shpop, puuuuuissssshhhh

Sparabolle uscì anch'esso nel 2002, ma all'inizio era un clone un po' triste: niente più musica e ambientazioni complicate, il gioco era ridotto all'essenziale, ovvero le bolle da sparare, la bolla del giocatore, alcune animazioni e gli effetti sonori essenziali. Funziona anche molto bene.

Il campo di gioco è diverso: Sparabolle si rivolge al mercato dei giochi gratuiti su PC e presto su Smartphone. Oggi esistono (circa) 4.780.000 versioni diverse di Sparabolle, alcuni dei quali sono molto più sofisticati. Ovviamente, per quanto riguarda console e retrogaming, è meno buono, ma rimane rilassante, facile da capire e decisamente avvincente, senza dubbio per la disperazione di alcuni datori di lavoro.

La variante bolla del flipper

Tra i tanti cloni di Bolla puzzle uscito negli anni '90, ce n'è uno che trovo molto buono. Puzzle di Uo Poko rilasciato nel 1998 su macchine arcade e poi su smartphone. Ovviamente consiglio la versione arcade, per la sua musica “esasperantemente accattivante”, la sua originalità, i suoi rumori amichevoli e il suo gattino mascotte. È uno sparabolle, ma avviene sott'acqua, da qui gli effetti sonori rilassanti, che contrastano con intonazioni più esaltate ("Pronto? Vaiooooo”). Il gioco utilizza il principio del flipper con un lanciabolle. E le bolle eliminate sono in realtà bolle d'aria che rilasciano ossigeno permettendo al gattino di respirare sott'acqua. Quando scoppiano formano tante altre piccole bolle. Ed è bello. Ma quando il gatto muore, è triste. Le anime sensibili si astengono.

Lo stesso sviluppatore, Cave, ha continuato il lavoro con Puzzle! Mushihimetama (2005), anche un po' più esuberante. Mancano i suoni del mare.

3. Cos'altro ?

Minuscolo "Zen" Bolle

Nella serie di platform a bolle, Bolle sulla spiaggia 3 è stato rilasciato su Xbox nel 2013. Ancora più interessante, Bolle intergalattiche (2015) è uno sparatutto 3D piuttosto divertente.

Ma quando si tratta di far scoppiare le bolle, la cosa migliore è Piccole bolle (1998), un puzzle game zen subacqueo con bolle così belle e così melodiose quando scoppiano che vale tutti i video rilassanti del mondo.

Non sto scherzando, troverai la consolazione che meriti.

4. Piccolo ritorno alla musica Bolla di bolle

Questa Video Youtube presenta le diverse versioni del gioco.  

Ma ovviamente la cosa migliore resta la sua musica: eccola qui l'originale su NES grazie al canale 8bitStereo di Niko; nonché un fantastico versione con testo su Brentalfloss; e un versione per pianoforte che è divertente sul canale Lara6683.



Yannick Campe

Web editor, segretario di redazione e occasionalmente anche coltellino svizzero. Interessato a molte aree, compresi i videogiochi. Anche se tende ancora a confondere i pulsanti e cadere dalle piattaforme.

Yannick Campe

Yannick Campe

Web editor, segretario di redazione e occasionalmente anche coltellino svizzero. Interessato a molte aree, compresi i videogiochi. Anche se tende ancora a confondere i pulsanti e cadere dalle piattaforme.

Di

In FLEX amiamo i videogiochi, è questa passione che ha scosso la nostra infanzia (e forse la tua!?) che ci spinge in questa avventura, a progettare e produrre macchine superbe per riprodurre i migliori titoli della giovane storia dei videogiochi. Produciamo una gamma "pronta per il gioco", ma facciamo anche ordini speciali per terminali arcade unici e caratteristici utilizzando ad esempio la base di una botte di vino da 300 litri o una scatola di munizioni dell'esercito francese! Siamo a tua disposizione per i tuoi progetti, condividi i tuoi sogni più sfrenati, amiamo realizzarli.

Gli ultimi articoli

Seguici su Facebook

Monta tu stesso il terminale (tutorial)

Pubblicità

0
Il tuo carrello è vuoto!

Sembra che tu non abbia ancora aggiunto alcun articolo al carrello.

Sfoglia i prodotti
Powered di caddy
it_IT