Una console per retrogaming – Il Megadrive (1988)

Eri più un Sega “Sonic” Megadrive o un Super “Mario” Nintendo? Il vantaggio di possedere un terminale FLEX-arcade è che una volta Recalbox installato, Puoi davvero scegliere la tua console regina dell'era 16-bit da buongustaio del retrogaming. Mentre da adolescente ti schieravi ciecamente dall'uno o dall'altro a seconda della scelta fatta dai tuoi genitori a Natale. Almeno questa è l'impressione di chi non aveva né l'uno né l'altro ma assisteva ai dibattiti sparsi sulle insipide verdure del cantoche. A proposito, cos'era il Megadrive?

Riepilogo

  1. Sega prima del Megadrive
  2. Megadrive, la console retrogaming del futuro nel 1990
  3. Il marketing inarrestabile del cool outsider
  4. Alcuni giochi Megadrive direttamente
  5. Risorse Megadrive

La storia delle console per videogiochi è convenzionalmente divisa in “generazioni”, o “epoche”. La prima generazione di console (1972-1980), l'equivalente della preistoria, può essere riassunta in una parola: “Pong”. La seconda generazione (1976-1983) può essere riassunta in una parola: “Atari”. La terza generazione è l'era delle console a 8 bit e si può riassumere in una parola: “Nintendo” (o “NES”). La quarta generazione (1987-2000, o qualcosa del genere), l'era dei 16 bit, si riassume in due console: il Super Nintendo e il Sega Megadrive.

All'epoca di questa rivalità, non conoscevo queste storie a "16 bit" se non battute degne della stupida epoca. D'altra parte, "Super Nintendo" e "Megadrive", quello, ricordo.

Non ne ho capito molto, ma quello che ho capito si adatta perfettamente a ciò che la storia ha imparato: era la "Console Wars", e molti dei miei coetanei adolescenti avevano scelto la parte del Blue Hedgehog.

Nintendo era brava, okay, era il capo del settore, e per i genitori e la sorellina era perfetta. Mario, Dunkey Kong, sì, rispetto, è piaciuto anche a noi, Prima. Ma per gli adolescenti il Megadrive lo era Freddo. Era velocità e azione, sangue e furia. Sega era più forte di loro. Il marchio lo ha reso noto.

1. Sega prima del Megadrive

Il fronte del fronte: slot machine, cabine fotografiche, flipper

L'azienda conosciuta oggi come Sega era americana, poi americano-giapponese, poi giapponese. Nel 1940, tre americani (Marty Bromely, Irving Bromberg e James Humpert) fondarono la Standard Games alle Hawaii. Il loro business: slot machine per soldati americani, che ovviamente funzionano piuttosto bene. Una rapida occhiata Arcade-Museum.com ?

Nel 1951, una legge proibiva l'insediamento di banditi con un braccio solo nelle caserme situate sul territorio americano, comprese ovviamente le Hawaii. Questa è la tessera, ma anche l'occasione per vedere altrove se l'erba è più verde. In Giappone ci sono ancora molti soldati americani, quindi vai in Giappone. I Giochi Standard diventeranno Service Games (da qui Sega) nel 1952. Prima importazione dei Service Games macchinette da gioco gli Stati Uniti. Poi ha prodotto le proprie macchine in Giappone con la fondazione della Nihon Goraku Bussan (ramo distribuzione) e della Nihon Kikai Seizou (ramo produzione) nel 1960. Prima di finire per esportarle in tutto il mondo. E funziona bene.

L'azienda si diversificò con jukebox e flipper. E con le prime macchine arcade all'inizio degli anni '60, che iniziarono ad essere un successo nel paese del Sol Levante (prima o poi bisogna adattarsi al “Paese del Sol Levante”).

A metà degli anni Cinquanta entrò in scena un altro americano: David Rosen, che arrivò in Giappone come soldato e vi rimase dopo la sua smobilitazione. Il suo lavoro: cabine fotografiche. E funziona bene. La sua azienda, Rosen Enterprises, si è diversificata con jukebox e flipper. Ma soprattutto con le prime macchine arcade dell'inizio degli anni '60, che iniziarono ad avere successo nel Paese del Sol Levante (era necessario trasferirsi nel Paese del Sol Levante).

Le due entità competono tra loro, cosa che deve essere sembrata loro una sciocchezza.

Il Prima: macchine arcade 

Dalla fusione di Nihon Goraku Bussan e Rosen Enterprises, nel 1965 nasce Sega Enterprises, con David Rosen a capo. Sega prospererà quindi soprattutto nel campo dei giochi arcade, ma non avevi bisogno che lo sapessi.

La prima macchina arcade di grande successo prodotta da Sega fu la famosa Periscopio (1966), che permette al giocatore di comandare un sottomarino. Perché “famoso”? Ovviamente ha la sua pagina Wikipedia ! Se sei interessato, il sito SegaRetro.com offre non meno di 65 pagine dedicate ai "giochi arcade elettromeccanici" dello stesso tipo di Periscopio.

Dal 1972 Sega entra nell'era dell'elettronica vera e propria, e quindi dei videogiochi arcade. Con un successo attestato dal fatto che molte altre macchine arcade Sega hanno le proprie pagine Wikipedia, come ad esempio Fonz, Campione dei pesi massimi, GP di Monaco, Tranquillante Game Dove Di petto. Sono un sogno, vero?

L'azienda costruisce e distribuisce macchine arcade, ma diventa anche un editore di giochi riconosciuto, che oggi è la base del suo potere (non abbiamo paura delle parole). I classici piacciono ranocchio e Turbo (1981 e 1981) furono pubblicati da Sega e utilizzati sulle prime console domestiche, Atari 2600 e ColeVision.

Agli inizi degli anni 80, quando avevamo una solida reputazione come produttori ed editori, la tentazione era forte di lanciarci nel grande business del momento: le console domestiche, appunto. E quando la tentazione è forte, cosa vuoi? Ci soccombiamo.

Il Poco Prima: l'era delle console

Sega pubblicò in Giappone l'SG-1000 il 15 luglio 1983, lo stesso giorno del Nintendo Famicom (che qui chiamiamo NES): si può quindi parlare di concorrenza frontale. La macchina è venduta solo in Giappone, a differenza della seconda console a 8 bit di Sega, la MasterSystem, lanciata nel 1986 per conquistare il vasto mondo.

Apprezzabile la performance commerciale complessiva del MasterSystem: 13 milioni di unità vendute nel mondo. Ma il NES ha venduto circa 62 milioni di unità. L'era degli 8 bit è quindi per Nintendo. D'altro canto, Sega ha l'onore di inaugurare l'era dei 16 bit nel 1988, due anni prima della sua concorrente (il Super Nintendo, o SNES, è uscito nel 1990 in Giappone). Ed eccoci al momento del Megadrive.

2. Megadrive, la console retrogaming del futuro nel 1990

La console che uccide, anche nell'era del retrogaming. E Strade di rabbia II collegato!

Il Megadrive è stato rilasciato nell'ottobre 1988 in Giappone, nell'agosto 1989 negli Stati Uniti e nel novembre 1990 in Europa. In Nord America si chiama Genesis, perché un'altra azienda informatica americana si chiamava già Mega Drive Systems (sì, ho chiesto a un motore di ricerca).

Lasciamo perdere la questione delle cifre: nel mondo sarebbero stati venduti circa 40 milioni di Megadrive (la metà negli Stati Uniti), a fronte di circa 49 milioni di Super Nintendo (23 milioni negli Stati Uniti). Quindi c'è stata una partita, o meglio una guerra. Nintendo vince in Giappone, dove vengono venduti solo 3,5 milioni di Megadrive contro 17 milioni di SNES.

Lasciamo perdere la questione del futuro: dopo il Megadrive, il settore delle console sarà decisamente meno redditizio per Sega, che abbandonerà l'attività anche nel 2001 dopo il relativo fallimento del DreamCast (1998), che fu comunque la prima console 128 bit (112 bit in più in dieci anni, è tanto tempo, eh?).

Ma nel 1990 le cose si stavano muovendo rapidamente per Megadrive e Sega.

Questo disegno!

Innanzitutto la console era nera (è elegante e slancia la silhouette), tutta curve (aerodinamica). E mira al controller! Tutto anche in curva (per affrontare meglio le curve). Successivamente arrivò anche il controller a 6 pulsanti, quello che dovevi avere.

6 pulsanti. Dovevi averlo.

Una macchina da corsa. Meglio, una navetta spaziale. Oltretutto Nintendo era troppo "quadrata", con questa macchina non si può davvero volare. Sega era l'alta tecnologia rivolta agli esperti di gioco. Gli adolescenti, quindi. L'argomentazione di marketing era che tutto era più veloce sul Megadrive, e questo si rifletteva logicamente nel design. Francamente era un bellissimo oggetto, un oggetto del futuro.

Loghi fantastici

Nessun reclamo.

Il logo Sega non è cambiato, o solo marginalmente, dal 1982, ma nel 1990 lo abbiamo scoperto. Ed era proprio bello, con queste strade stampate a lettere che ti facevano venir voglia di percorrerle a tutta velocità. E che dire del logo Megadrive? Il logo di una scuderia di Formula 1. Il futuro, ve lo diciamo.

3. Il marketing inarrestabile dell'audace outsider

So bene di buttarmi a capofitto nella china scivolosa che porta alla porta aperta, ma le guerre tra due brand dominanti sono sempre la stessa cosa: il leader finge di non guardarsi mai alle spalle mentre lo sfidante mostra i muscoli e fa sempre riferimento al capo. Quindi è stata Sega a mettere in scena lo spettacolo, con talento.

I migliori annunci

Non è stato molto difficile essere più forte di me allo stesso tempo.

La lotta contro Nintendo si è svolta in modo più visibile negli Stati Uniti, dove la pubblicità comparativa è autorizzata. Ciò ha generato la campagna “Genesis fa ciò che Nintendo non fa”. In Francia, ciò ha dato origine alla campagna “Sega, è più forte di te”, apertamente incentrata sulla sfida, sulla velocità e sulla modernità. Lo sanno tutti, è la prova che è stato grandioso (vedi risorse alla fine dell'articolo).

Però non ricordo affatto le campagne Nintendo. Dovevano esserci un idraulico e dei funghi, immagino. Roba carina.

La mascotte che lancia

Sonic è un riccio blu che non sembra proprio un riccio (quello, spine? Eggman ha i baffi con le spine, ma Sonic no). Se non lo avessimo chiamato "hedghog"... C'è il muso, è vero. Tuttavia, va molto veloce e sfida la forza centrifuga. Indossa il colore del marchio. Ecco, abbiamo fatto il giro. Ce n’è davvero abbastanza per fondare un impero che comprenda videogiochi, fumetti, cinema e televisione?

Sega aveva bisogno di una mascotte per opporsi a Mario. Questo ruolo era previsto per Alex Kidd, l'eroe di Alex Kidd nel mondo dei miracoli (1986). Ma non era eccezionale. Inoltre, se non ti mostro le sue foto, riusciresti a descriverlo? (Non mostrerò nessuna foto.) Quindi Sega ne creò un altro, con colori e caratteristiche del marchio che corrispondevano esattamente alle presunte qualità del Megadrive: la velocità e la fluidità dei suoi giochi. Ed è vero che in quel momento abbiamo avuto l'impressione di vedere qualcosa di veramente nuovo (la velocità, e soprattutto i loop) mentre giocavamo Sonico, e poi ne abbiamo parlato giocando, come se partecipassimo a un momento della storia dei videogiochi. Opinioni ingenue? Mi rassicura vedere che questo è davvero il modo in cui ci presentiamo Sonico ancora oggi.

Il primo gioco Sonic il riccio è stato rilasciato in tutto il mondo nell'estate del 1991, giusto in tempo per controbilanciare l'uscita del Super Nintendo. Il gioco era gratuito con l'acquisto della console, e alcuni compagni hanno coscienziosamente trasmesso l'argomentazione di marketing di Sega al vero decisore in termini di regali di fine anno: Babbo Natale.

Sangue vero, in pixel reali!

Fatalità!

Il gioco Combattimento mortale ha trionfato sulla macchina arcade, un po' perché era grandioso (ci ho giocato!), un po' perché abbiamo visto sangue molto denso e “fatality” mortalmente fatali (ho visto la colonna vertebrale!). Le versioni console erano quindi attese con impazienza. Tuttavia, la versione arcade fece scandalo, il gioco apparve su SNES e Megadrive in versioni annacquate. Ma su Megadrive era possibile trovare il sangue e le vittime inserendo il codice "segreto" all'inizio del gioco. Questa piccola grande storia ha inevitabilmente inclinato i dibattiti della mensa a favore di Sega, l'azienda del produttore. audacia e creatività.

Molte leggende metropolitane adolescenti promuovevano il lato creativo e audace di Sega. Un giorno qualcuno (beh, doveva avere 10 anni) mi spiegò molto seriamente che Sega era stata fondata da ex dipendenti Nintendo insoddisfatti della loro mancanza di libertà creativa. Probabilmente un articolo frainteso. Inoltre, non dovrebbero mancare storie di trasferimenti di dipendenti tra Nintendo e Sega.

Ovviamente era tutto molto marketing. Ma quando si parla di giochi, cosa resta del Megadrive?

4. Alcuni giochi Megadrive direttamente

Con l'esistenza di terminali come quelli di Arcade FLEX, è possibile riprodurre 8000 videogiochi in tutte le versioni possibili. All'improvviso mi sono ricordato dei giochi che associamo spontaneamente al Megadrive, anche se non li avevo necessariamente giocati.

È la mascotte, cosa vuoi?

Sonic il riccio (1991)

I loop sono sempre così belli. Un aspetto del gioco che mi piace molto è il blu. Lo trovo magnifico. Ok, è il colore di Sonic e quindi di Sega, ma questo lo spiega del tutto? Quando gli esperti confrontano il Megadrive e lo SNES col senno di poi, un aspetto continua a emergere: quest'ultimo aveva una tavolozza di colori più ampia. La cosa non mi ha mai particolarmente colpito, forse perché non mi interessava più di tanto, o forse questo difetto veniva semplicemente cancellato per i giochi migliori. Il Megadrive è la console blu.

Alladino (1993)

Non ci ho mai giocato, ma è uno dei giochi Megadrive più apprezzati al mondo. Nemmeno io ho visto il film, sia chiaro. Non sono una persona Disney, quindi ero diffidente.

Non mi piace lasciarmi vacillare nelle mie certezze e quindi è con grande rammarico che devo dire che è meraviglioso. Un vero film d'animazione, con rumori, bei colori, movimenti fluidi. Il che significa che vale la pena riscoprire certe opere quarant’anni dopo. E c'è il blu, sembra un sogno.

Marmellata dell'NBA (1994)

Quando ero adolescente, uno dei grandi argomenti a favore del Megadrive erano i giochi sportivi. Ha offerto di più, il che si adatta bene all'immagine del suo marchio. Lo sport regge nel retrogaming? Questo sarebbe oggetto di un articolo a sé stante. C'è sempre quello Marmellata NBA, che non conoscevo ma che è stato tenuto in grande considerazione quando è uscito, è davvero fantastico! Soprattutto perché offre puro piacere arcade che le (meravigliose) simulazioni di adesso non consentono più: disattendendo le leggi di gravità (e le regole del basket) contrastando tiri a 4 metri di quota con un pallone in fase discendente. Non parlo nemmeno delle schiacciate stratosferiche e dei falli violenti.

La vendetta di Shinobi (1989)

Praticamente quello...

Un amico delle medie ha mimato il lancio di shuriken mentre gridava "Shinobi!" ". Mi ci è voluto molto tempo per capire dove voleva andare a parare. Adesso mimo gli shuriken lanciandomi molto bene. È davvero la crema dei giochi ninja. Le apparizioni di Schwarzenegger/Terminator, Spiderman, Batman e Godzilla valgono da sole la deviazione.

Il Moonwalker di Michael Jackson (1991)

Abbiamo dovuto provarci perché è un gioco specificatamente per Sega e Michael. È molto divertente e rimane molto originale: interpretiamo ancora Michael Jackson che combatte ballando e salva i bambini (nessun commento). La partita suscita però meno interesse oltre i venti minuti. E' molto ripetitivo. Ma non era già così allora?

La musica non è male.

Strade di rabbia I, II e III (1991-1993)

In realtà, è quello che stavo cercando. Perché non avevo mai giocato Strade di rabbia E Ho sempre saputo che mancava nella mia vita. E perché si tratta di una serie specificatamente catalogata Megadrive e citata nel top dei top della Battili tutti. Tre anni, tre partite, lo chiamiamo colpo finché il ferro è caldo. Il principio: scegliamo un personaggio tra 3 (o 4 in II e III) e seguiamo uno scenario che dovrebbe portarci a picchiare tutti. Questo mancava davvero nella mia vita.  

Come potresti aspettarti, la grafica migliora notevolmente mentre giochi. Tendo a pensare che II e III siano molto paragonabili in termini di eccellenza, ma questa è ovviamente un'opinione da stupidi filistei, perché è II che è entrato nel pantheon dei videogiochi. Strade di rabbia I è meno fluido, certo, ma questo è compensato da un'ottima giocabilità (espressione che non uso con leggerezza, credetemi, perché ci ho messo anni a capirla. Un po' come "è necessario che aera" per il vino ).

Meglio: giocali tutti e tre di fila!

Se misuriamo la qualità del Megadrive in base a Strade di rabbia, Adesso capisco meglio l'entusiasmo dei miei compagni di scuola per questa mitica console.

5. Risorse sul Megadrive e su Console Wars

  • Pubblicità, ovviamente! Il leggendario Campagna Sega francese (e nello specifico francese) sul canale YouTube Rétrojeux. E le campagne americane per Genesi sul canale PixelSlayers.
  • Un'intervista con Blake J. Harris, autore del libro Console Wars: Sega, Nintendo e la battaglia che ha definito una generazione, pubblicato nel 2014, sul canale YouTube Lon.TV. Prima di leggere il libro, forse? Su YouTube ci sono moltissimi documenti su Console Wars, eccone uno abbastanza lungo e completo, ma tutto in inglese, sul canale Doppio cane.

Yannick Campe

Web editor, segretario di redazione e occasionalmente anche coltellino svizzero. Interessato a molte aree, compresi i videogiochi. Anche se tende ancora a confondere i pulsanti e cadere dalle piattaforme.

Yannick Campe

Yannick Campe

Web editor, segretario di redazione e occasionalmente anche coltellino svizzero. Interessato a molte aree, compresi i videogiochi. Anche se tende ancora a confondere i pulsanti e cadere dalle piattaforme.

Di

In FLEX amiamo i videogiochi, è questa passione che ha scosso la nostra infanzia (e forse la tua!?) che ci spinge in questa avventura, a progettare e produrre macchine superbe per riprodurre i migliori titoli della giovane storia dei videogiochi. Produciamo una gamma "pronta per il gioco", ma facciamo anche ordini speciali per terminali arcade unici e caratteristici utilizzando ad esempio la base di una botte di vino da 300 litri o una scatola di munizioni dell'esercito francese! Siamo a tua disposizione per i tuoi progetti, condividi i tuoi sogni più sfrenati, amiamo realizzarli.

Gli ultimi articoli

Seguici su Facebook

Monta tu stesso il terminale (tutorial)

Pubblicità

0
Il tuo carrello è vuoto!

Sembra che tu non abbia ancora aggiunto alcun articolo al carrello.

Sfoglia i prodotti
Powered di caddy
it_IT